domenica 18 novembre 2018

Perché ci ammaliamo?

Ognuno di noi, nell'arco della propria Vita, ha sperimentato lo stato di squilibrio energetico, comunemente definito dalla medicina ufficiale materialista-newtoniana "malattia". La medicina naturale, che va dai differenti tipi di sciamanesimo appartenenti a diverse regioni del mondo, passando attraverso i rituali magici delle varie culture fino ad approdare all'omeopatia, ha un'idea ben diversa del corpo fisico, ossia dell'involucro che contiene CIO' CHE SIAMO VERAMENTE.

Secondo la medicina naturale, noi siamo un sistema energetico, pura energia condensata in un corpo fisico, questa è la nostra NATURA ESSENZIALE AL DI LA' DELLA FORMA. La medicina allopatica, di contro, fa riferimento al corpo umano come ad un lungo e tedioso insieme di organi, muscoli e ossa messi insieme, certo, ma da curare separatamente in base ai sintomi, ossia gli effetti noti di una causa ignota, ignota per la medicina ufficiale, la quale non ha tempo, voglia né interesse per indagare sulle origini che hanno portato alla manifestazione dello squilibrio energetico.
(Immagine presa dal web)

Di base noi siamo nati per vivere felici, per seguire le nostre naturali attitudini e procedere nel corso della Vita seguendone il naturale flusso, la via di minor resistenza, quella che, da sola, può consentirci la realizzazione dei progetti della nostra Anima, quelli che ci rendono felici e mutano la nostra fisiologia al solo pensarci.

In questo periodo storico molto particolare e in questo contesto occidentale, caratterizzato da un consumismo ed un arrivismo incontrollati accade, però, che molte persone si perdano lungo la strada verso il conseguimento della felicità personale e la realizzazione dei propri progetti di Vita. 
(Immagine presa dal web)

Due sono gli ostacoli principali alla naturale evoluzione dell'essere umano: il primo è costituito dall'educazione-programmatica alla quale si è sottoposti durante il processo di crescita; il secondo e non meno importante ostacolo all'evoluzione di ciascuno di noi è costituito dal bombardamento mediatico, attraverso il quale vengono fatti sorgere, nel soggetto appartenente al "gregge", dei bisogni artificiali dei quali, diversamente, egli non sentirebbe minimamente lo stimolo a soddisfare.

Si è costretti a vivere, insomma, all'interno di una struttura sociale, al secolo sistema, MATRIX o psicoprigione, dove si perde, spesso, di vista la nostra vera natura e lo scopo per il quale ci troviamo all'interno di un corpo e in un determinato contesto socio-culturale.
(Immagine presa dal web)

In pratica, chi ci pilota dall'alto come delle marionette induce in noi dei bisogni l'appagamento dei quali soddisferà i suoi, non certo i nostri, interessi economici distogliendoci, al contempo, da quelli che sono i nostri veri obiettivi, quelli che fanno parte dei programmi della nostra Anima, i soli che potrebbero renderci felici, se solo li perseguissimo fino al loro raggiungimento.

In altre parole, il sistema cerca e ottiene, almeno per la maggior parte delle pecore non pensanti che colorano la nostra società, una società di psicoschiavi la quale, lungi dal perseguire l'autorealizzazione personale, s'immola per il "bene" superiore del sistema, divenendo suo nutrimento.
(Immagine presa dal web)

Si capisce bene come, in conseguenza di quanto premesso, le persone vivano in uno stato di costante disagio, derivante da un'errata gestione delle emozioni (o repressione in molti casi), un mancato fluire con la Vita e un costante stato di sonno, all'interno del quale si vivono diversi sogni che spostano l'attenzione dalle cose essenziali a quelle futili, tutto creato apposta da chi sta sopra di noi (non di certo Dio!).

E' naturale che questi stati di costante disagio, repressione delle emozioni, mancata realizzazione dei propri progetti di Vita associato ad una scarsa Consapevolezza di Sé, porteranno, col tempo e se non si riuscirà a renderli palesi per poi lavorarci, allo stato di squilibrio energetico.
(Immagine presa dal web)

CI SI AMMALA IN CONSEGUENZA DI UN BLOCCO EMOTIVO CHE DIVENTA, SE TENUTO COSTANTE NEL TEMPO E NON VIENE "OSSERVATO", DISTURBO PSICOFISICO FINO A SFOCIARE NELLA "MALATTIA" VERA E PROPRIA. NON CI SI AMMALA PER UNO DESTINO GENETICO O PER UN DIO PUNITORE. SEMMAI, CI SI AMMALA PERCHE' NON SI HA IL CORAGGIO, I MEZZI, LA FORZA, PER GUARDARSI DENTRO, PER RIPULIRSI DALLA SPAZZATURA EMOZIONALE PER POI TORNARE A FLUIRE CON LA VITA.

Nessuno ci dice queste cose, spesso dobbiamo sperimentarle prima sulla nostra pelle o su quella delle persone che più amiamo. Inizialmente ci si dispera, si vive nella paura, si perde la fede. E' proprio in questi momenti che ci si stabilizza nello stato di squilibrio energetico (il termine malattia non lo userò più nel corso del seguente articolo, essendo fermamente convinto che siamo governati dal libero scorrere delle energie lungo i meridiani del nostro corpo e non siamo, come tende a crederci, invece, la medicina ufficiale, simili a delle macchine con pezzi di ricambio soggette ad usura).
(Immagine presa dal web)

La paura, la delusione, il senso di fallimento, l'angoscia reiterata nel tempo, il non perdono, l'eccessivo stress non correttamente gestito, queste sono le cause degli squilibri energetici, i motivi per i quali ci si "ammala", non i virus, i batteri o il DNA!

Certo, è importante alimentarsi bene, fare attività fisica per tenere sotto controllo il peso e funzionale il corpo fisico, ma se non si è ancora in grado di perdonare, di guardarsi dentro, di mandare al diavolo chi ci ostacola nella realizzazione dei nostri progetti, state certi che, prima o poi, ci si "ammalerà"!
(Immagine presa dal web)

Noi siamo degli esseri perfetti, nati per godere della Vita, incarnati per realizzare gli scopi della nostra Anima in connessione col nostro cuore. Quando riusciremo a sostituire l'Amore alla paura, il perdono all'odio, l'equilibrio allo stress, solo allora potremo scoprirci delle creature Divine e immortali, complete in se stesse e non necessitanti di alcun farmaco.

Il farmaco, l'elisir di eterna giovinezza, è composto da: PERDONO, ACCETTAZIONE, AMORE, LASCIARE ANDARE. Bisogna perdonare le offese, accettare la Vita per ciò che saprà donarci perché ciò che riceviamo in quel momento sarà ciò che ci servirà per la nostra evoluzione personale. Dopo aver perdonato ed accettato la Vita e le persone che incontreremo lungo il nostro cammino, potremo finalmente Amare. 
(Immagine presa dal web)

Solo amando, noi stessi e gli altri come nostro riflesso, potremo vivere nello stato di salute psicofisica totale e realizzarci. Assieme al perdono, all'accettazione e all'Amore e, non meno importante anche se elencato per ultimo, abbiamo il LASCIARE ANDARE. Siamo capaci di lasciare andare il dolore che ci ha causato la morte della persona amata o l'automobilista che ci taglia la strada o, ancora, la persona che ci supera nella fila alla posta?

Solo lasciando andare smetteremo di remare contro la Vita e i suoi accadimenti e torneremo conformi alla nostra natura Divina. Solo da quel momento in poi saremo capaci di vivere in uno stato di perfetto equilibrio psicofisico smettendo, al contempo, di vivere in una condizione di sopravvivenza e in un costante stato di allerta che ci causa stress e disagio oltremisura e senza ragione alcuna.
(Immagine presa dal web)

Per concludere, impariamo a lasciare andare i pensieri ossessivi, quelli di mancato perdono, quelli che ci causano continua ansia, che ci stringono lo stomaco, che ci fanno sudare le mani, che ci accorciano il respiro. Ricordate bene: IL PENSIERO CREA LA MATERIA, COME IN ALTO, COSI' IN BASSO.

Risulta di fondamentale importanza cambiare pensiero, cambiarne polarità, questa è alchimia. Dopotutto, i pensieri negativi sono pari al piombo. Di conseguenza, quando saremo in grado di trasformare il piombo contenuto in stati mentali quali depressione, ansia, dolore, rabbia, paura nell'oro dei rispettivi opposti entusiasmo, equilibrio, gioia, perdono, Amore ecco che avremo compiuto un'opera alchemica, quella della trasmutazione del "vil metallo in oro".
(Immagine presa dal web)

Acquisire la padronanza di Sé e dei propri stati mentali comporta, certo, un serio lavoro volto, dapprima, ad accorgersi dei sentimenti che ci governano in maniera automatica e, in un secondo tempo, alla presa di coscienza di ciò, la trasformazione degli stessi tramite il processo dell'OSSERVAZIONE SENZA GIUDIZIO. Da quel momento in poi, torneremo ad essere sovrani del nostro regno e non più servi della nostra mente con i suoi automatismi.

Divenuti padroni di noi, solo allora potremo vivere in una condizione di equilibrio psicofisico e di apertura alla Vita. Questo stato di gioia naturale ci consentirà di ricongiungerci col Divino che è sempre stato in noi e di realizzare i progetti per i quali siamo venuti al mondo.

Vincenzo Bilotta